PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

È passato il ventennio?

Come spettro mi trasformo
e provo ad esprimere
un pensiero semplice

vedo gioire per un nuovo avvenire
comunque manipolato
da burattinai feroci invisibili

tanta gente per una bandiera
o per un altra
nella direzione del mondo unico

ma drammaticamente segmentato
in umane tribu, sempre più
disumane e disunite

da vil pecunia, l'uno contro l'altro
o necessità di sopravvivenza
urgente e non procristinabile.

Ma mediaticamente
è il cambiamento!
È passato il ventennio!

Evviva! Finalmente!
Ma finalmente cosa?
Lungi da me il giudicare

Al posto dell'ex-industriale
cabarettista, cantante
one-show-man

che poi la brace non è spenta
ecco al suo posto
l'uomo del rigore!

Che di mestiere fa il banchiere...
Che tutta l'Europa è stretta
nella morsa della speculazione

umanoide-finanziaria-tecnologica
mentre gaia respira a fatica e sputa
e noi granelli di sabbia si affoga

o si brucia.

Perchè è la crisi
che si vuol tamponare!
Dobbiamo dare un messaggio

12

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 13/11/2011 12:12
    un quadro perfetto anche un po' ironico di ciò che sta accadendo... impigliati in ragnatele... proprio così speriamo bene l'uno vale l'altro hai ragione Raf... bravo un abbraccio carla

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0