accedi   |   crea nuovo account

L'albero

Stammatin' aggio addimannat'
a n'albero:
vulesse esser' comm' a tte!
Vivo, ma zitt', muto
senza putè parlà
Vivo, ma cecato
senza putè guardà
Vivo, ma surd'
senza putè sentì
Pecchè dint'a sta vita mia
parlà... guardà... sentì...
nun semp' sò nà cosa bbona.
Vulesse parlà
ma t'é stà accort'
ce sta chi po' s'offende
Vulesse guardà
cu ll'uocchie dè criature
ma ormai... quà criature
Vulesse sentì
ma sulo cose bbone
e dint'a sta vita... e tutt' attuorn'...
ma quà cose bbone
E allora sì
vulesse essere comm'a tte!
N'albero, - vivo -
ma sulo spettatore
'e chesta vita mia
Senza parlà
senza sentì
senza guardà
però...
però 'o penziero mio
chillo nun m'ò ponn' levà
chill'è comm' 'o mare...
nun se po' fermà!...

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • rosaria esposito il 13/11/2011 20:44
    ... e nun s'adda fermà...
  • enzo Iovine il 13/11/2011 20:15
    @Ada, "addimannat' vuol dire domandato. Era uno dei termini che originariamente avevo messo in italiano proprio perchè meno conosciuto, solo che ho avuto più di una critica su questo mio scritto in dialetto dove mi si rimarcava il fatto di aver usato vocaboli non in dialetto e di andare a leggermi vari autori leggendari della poesia napoletana... allora apportai varie correzioni tra cui questa. Grazie per il commento sempre gradito!
  • Ada Piras il 13/11/2011 15:37
    Vorrei essre come te spettatore della mia vita... ma
    nel pensare..."comm' o' mare"restare me.
    L'unica parola che non sono riuscita a capire.."addimanat"
    Bravissimo molto bella.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0