accedi   |   crea nuovo account

Telefonato addio

Un'altra donna hai detto?
Certo, era scritto nel cammino di Santiago
nelle tue notti a cellulare spento
in questo vento nuovo nella voce.

Brindisi baci letti caldi
scorpacciate di luna libri e lampi
d'iridi brune e mani e carni familiari
arano lo stomaco dell'io.

Urla come un'ossessa la bambina,
s'appende alla mia gonna, pesta i piedi.
È dura da estirpare l'erba voglio
e mio e ancora e sei cattivo!
Piccola me, suvvìa non far così
vieni tra le mie braccia che ti cullo
respira forte con il mio respiro
guarda: posa la neve sul giardino.

E adesso per favore prendi il mouse
e scrivi grazie, ma con tutto il cuore
a quell'uomo che t'ha fatto dono
di neve fresca e d'esperienze nuove.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Martina Giurgevich il 24/11/2013 00:28
    L'Amore non è l'erba voglio, non è un capriccio di una bambina che strepita e pesta i piedi... le parole sono importanti (cit.)
  • Anonimo il 01/12/2011 20:29
    Bella poesia... capita al volo ed apprezzatissima la filosofia di fondo che la governa. Certo non deve essere facile accettare una cosa simile ma quello che dici è di una verità lampante. brava, brava e ancora brava... anche come poetessa( o poeta?) Ciaociao
  • Raffaele Arena il 27/11/2011 20:13
    Si, in base al tuo commento, che non avrei svelato per lasciar libertà di interpretazione, ma che apprezzo, questa è una situazione più unica che unica! Piaciuta l'oriliginalità e l'esposizione!
  • Anonimo il 23/11/2011 08:32
    Si, non è facile ma... le vite possono prendere altre strade ma quello che è stato donato di bello va custodito. Chapeau!
  • augusto villa il 21/11/2011 21:11
    Bella, originale la scelta del punto di vista e per niente scontata.
    Complimenti, Verdiana! --------
  • Verdiana Maggiorelli il 16/11/2011 16:52
    Grazie amici! Sono convinta che in poesia non sia importante capire tutto, ma oggi mi va di spiegare: "lui" era partito per il Cammino di Santiago, dove ha incontrato un'altra donna e lo annuncia a "lei" per telefono. La reazione è quella che si produce sempre dentro di noi, anche se non ne siamo consapevoli: la parte bambina urla, strepita e accusa... Solo la parte adulta, abbracciandola, può vedere il buono che c'è stato in un rapporto e ringraziare l'esistenza per averlo avuto. Non è facile, ma talvolta accade.
  • Don Pompeo Mongiello il 16/11/2011 16:09
    Musicale, ritmica e molto ben scritta questa tua veramente bella1
  • Salvatore Maucieri il 14/11/2011 21:34
    Bella questa tua opera. Brava, Ciaooooooooooooo
  • mariateresa morry il 14/11/2011 15:52
    Molto singolare questa tua poesia... metterci dentro anche l'altro io che pesta i piedi e vuole,,, Tu inserisci di certo dei particolari solo a te noti, ma la sostanza del tema è molto ben resa. Stile molto personale, mi è piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0