accedi   |   crea nuovo account

Animismo domestico

A quest'ora il crepuscolo infligge alla casa
penitenze di ore,
simili al calpestio di un puledro
sull'asfalto del giorno resosi d'ovatta.
La casa si fa muta di suoni,
tace anche il sibilo del vento
che non riesce a starne fuori,
ansioso dei suoi tepori.
A quest'ora, il silenzio si fa muro,
e il muro, quaderno di memorie,
da scrollare di chiodi,
e mi assomiglia, la casa, mia sosia,
crogiolante attese,
trasudante sogni di foreste
che agitano chiome
e gonfiano il loro petto d'arbusto
al soffio dei venti.
La mia rivale, oggi, si adorna di orchidee
il niveo collo, che già conta le sue vittime.

Lei è la mia parte più bella, l'anima
di muro e di pietra che eclissa
la parte più alta del mio io.
Il grande sogno dell'uomo
fin dall'aurora del mondo.
Caverna rifugio dei propri pensieri,
dell'io invisibile
che divide simultanee presenze
con l'io di carne e di fango.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • anna marinelli il 14/11/2011 16:16
    e tu sempre troppo buona, cara! Grazie
  • Dora Forino il 14/11/2011 16:15
    Il tuo rifugio e nell'ora dei silenzi,
    dove l'anima si incontra col tuo io più profondo..
    Trasudano sogni di foreste
    che agitano chiome
    e gonfiano il loro petto d'arbusto
    al soffio dei venti.
    Bellissima cara Anny. Sei una vera poetessa.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0