accedi   |   crea nuovo account

Gene si ma d'evangelica trascendenza

Ero
seduto sotto la chioma fantasiosa di un acero

stavo leggendo
in abito d'anacoreta
un libro
che ancora ancorato a pregiudizi di schiavitù egizia
non era ancora stato scritto sulle tavole d'avorio dei nostri cuori

il clima talvolta era piacevole
un po' desertico e gelido nelle prime ore del giorno
gli uccelli edenici volavano da ramo a ramo
ma non sapevano ancora cinguettare
il canto solare dell'Amo

Il Tutto era in noi aleggiante in una noia immortale

Quando Eva venne verso di me in una "Tau-rus Orus " dalle guance e dai fanali rossi
portava fra le Sue mani un frutto color carne

Appena ne morsi la polpa sugosa
La vidi per la prima volta nuda nella Sua splendida bellezza di Donna Angelo

con i Suoi capelli neri spettinati da serpentine di vento

dalla Terra saliva in lucentezza Madreperlacea un profumo d'oro e di talco

Questo avvenimento
in una sola notte d'Amore cambiò nel bene e nel male la nostra vita

e forse anche la Vostra

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

13 commenti:

  • Anonimo il 17/11/2011 09:22
    bellissima questa tua... versi incantevoli che sgorgano da un cuore pieno d'amore... e da una mente sempre pronta e preparata... complimenti di cuore vincent...
  • - Giama - il 16/11/2011 23:19
    grande espressione della tua maestria e genialità in questa poesia; splendido il "canto solare dell'Amo"!
    Grande!
    Ciao Gia
  • Diana Moretti il 16/11/2011 20:23
    Maestosa - complimenti Vincenzo. È sempre un piacere leggerti.
  • Anonimo il 16/11/2011 19:10
    l'infinito è curiosità e noi ci spingiamo sino a procuraci guai ma ne vale la pena di farsi sfiorare dalla bellezza e ancor di più possederla, è umano. bellissima ciao Salva.
  • cristiano comelli il 16/11/2011 18:02
    MOlto bella, vi rinvengo una ricostruzione storico-ambientale di antiche atmosfere, buona la cura dell'ambientazione in cui la riflessione d'ampio respiro si inserisce. Bravo Vincenzo, davvero un buon demiurgo della parola. Cordialità.
  • Don Pompeo Mongiello il 16/11/2011 16:05
    Fantasiosa e geniale questa tua bellissima!
  • Elisabetta Fabrini il 16/11/2011 12:50
    Si fa presto a dire Amore... quello vero fa star bene, fa sorridere e ci cambia la vita, dentro e fuori. Chi non lo capisce, peggio per lui!!
    Come al solito, sei grande Vincenzo!
  • Ada Piras il 16/11/2011 09:59
    Non so che dire...è come guardare dentro al paradiso terrestre...
  • Anonimo il 16/11/2011 09:10
    Giuro che fa venire i brividi questa meravigliosa ode... sempre immenso!
  • anna rita pincopallo il 16/11/2011 08:08
    sei unico è bellissima bravissimo
  • Anonimo il 16/11/2011 07:55
    Geniale... una poesia che ha il sapore della rivelazione... grande Vincenzo. Domani parto per l'elba... non ci sentiamo per un po'. ciaociao
  • loretta margherita citarei il 16/11/2011 07:33
    veramente bella complimenti
  • karen tognini il 16/11/2011 07:29
    meravigliosa poesia Vincent... quando incotrasti il tuo angelo la Tua vita è cambiata... accade questo quando ci si innamora davvero!!!... forse anche la Loro.. gia' !!!... sicuramente!

    BRAVISSIMO... sei il solito geniaccio...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0