accedi   |   crea nuovo account

Peccamòra

Cogghìr'ì livi
da mattin'asìra ca schìna cùrva
pè quattru sordi e nu caddozzul'ipani
Ottobri, peccavia si faci sentìri
a Lupa -occh'imbilàti- sindi calàu già
a fami sa stavi magiandu, chi sò pìccili
zuncarèddi ddumàti e u lupàru arret'espàddi, cù fucìli
Siminara
e i munti c'à vardùnu ammenz'ovvìrdi
u Zì 'Ntoni ca sèggia i lìgn'ilivu
vàrda sò fìgghia ca s'indivèni
'ndi cogghìsti Maria?
Sì Patri, peccamòra sìndi trovanu ancora

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 17/11/2011 13:12
    una tradizione che ti riporta alle origine quelle vere... della terra... bellissima Ignazio...è bellissima in dialetto... sei un grande poeta ti abbraccio
  • loretta margherita citarei il 16/11/2011 18:32
    molto bella, ho fatto la raccolta dell'ulivo anche io, è faticoso ma nello stesso temo piacevole
  • ignazio de michele il 16/11/2011 16:36
    In questo periodo.
    Raccogliere olive
    dalla mattina alla sera colla schiena curva
    per quattro soldi e un pezzo di pane
    Ottobre, da queste parti si fa sentire
    la Lupa, -occhivelati- è già a scesa a valle
    la fame se la stà mangiando, coi suoi piccoli
    fuoco di radici e il luparo dietro le spalle col fucile
    Seminara
    e i monti che la guardano in mezzo al verde
    lo Zio Antonio con la sedia di legno d'ulivo
    guarda sua figlia che ritorna
    ne hai raccolte Maria?
    Sì Padre, per adesso se ne trovano ancora(n. p.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0