accedi   |   crea nuovo account

Il pittore accecato

Dove siete colori
che viaggiavate come fieri generali
tra i fantasmi indiavolati delle mie mani?
Mai potrò rendervi grazie, lo so
di quel privilegio estasiante
di cui dispensatori mi foste
di concedervi
all'Arlecchino incerto della mia fantasia,
sulla nave fiammante di una tavolozza;
ora più non riesco a scorgervi
non credete a chi vi dirà
che io abbia inteso celarvi
nel carcere di un buio da me non voluto;
conoscete a memoria ormai
l fruscio inquieto dei miei pennelli
li vedeste impazzire di gaiezza
quando vi fecero scoprire
la vostra identità dorata
di dipinto in potenza
sempre impaziente di farsi atto.
Nelle vostre gradazioni
riposerà per sempre
la somma delle traiettorie sfuggenti
di questo esistere per essere pittura,
di questi acquerelli
che sono fendenti invincibili
contro i dilemmi urticanti della paura.
Le mie tele
seguiteranno ad amarvi
anche se ora le mie pupille
sembrano avervi tolto il saluto
e negato ogni inchino.
È per voi, per voi soltanto,
che mi arrampico ogni giorno
sulla mia sfida di chiamarmi uomo;
non abbandonatemi.

 

1
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 02/11/2013 01:49
    apprezzata, complimenti..

4 commenti:

  • cristiano comelli il 17/11/2011 18:02
    Ringrazio come di consueto, ho sempre avuto un'ammirazione sconfinata per i pittori. E immagino la lacerazione che alberghi dentro chi amava dipingere ma ha trovato un destino che gli ha barbaramente chiuso gli occhi.
    Ma i veri artisti sanno vedere anche senza vedere. Ciao, un abbraccio.
  • karen tognini il 17/11/2011 07:22
    molto bella Cristiano.. i colori della vita ti trasportano su tele realizzate... con profonda nostalgia...
    come sempre hai grande sensibilita' e bravura...
  • Vincenzo Capitanucci il 17/11/2011 06:22
    Dalla Potenza all'Atto... la mia sfida di essere Uomo... in un arcobaleno di colori... l'anima della mia tela...(tela-io)in una luce... color oro...

    Bellissima Cristiano...
  • loretta margherita citarei il 16/11/2011 18:59
    una bella poesia più d'amore oserei dire introspettiva con i colori usati a metafora, complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0