PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Triste la sorte per gli scaltri

non illuderti
se la tua malevolenza
nell'agire
impunita
rimane..

Non crederti
così furbo...
Tanto va la gatta al lardo
che ci lascia
lo zampino.

Sappi che il male
compiuto
come il boomerang
indietro torna
e colpirà le tue mani.

Sarà allora
che avrai bisogno di aiuto,
ma, forse, non troverai nessuno
a tenderti amichevole mano.

E se per assurda sorte
del destino
del tuo malfatto
mai avrai a subire
conseguenza,
non illuderti di farla franca.

Gli Angeli del cielo
sul libro della Vita
annotano con lettere di fuoco
le tua malvagità.

Vano allora sarà
il tuo tentativo
nel chieder perdono
quando sarai
al divino cospetto.

Tremante spererai
d'esser misericordiosamente assolto,
ma non sarà così...
La giustizia di Dio
non è quella terrena...
spetta ai violenti aspra pena.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0