PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il gabbiano (Nel vento della sera)

Il suo fiore preferito era la rosa,
il fiore più bello e profumato.
Il fiore che gli innamorati
si regalano
e col quale si parlano d'amore.
Lei la preferiva bianca,
la sua rosa,
come la bellezza della sua anima,
come il suo candore. Bianca,
il colore della luce.
Perchè lei era così sempre:
chiara, luminosa.
Il suo fiore preferito era la rosa,
con i suoi petali ondulati,
come le onde del suo mare.
Di quel mare, unico
suo fedele amico, unico suo uomo.
La storia di una donna
e del suo mare, la sua,
la storia di una silkie
delle leggende irlandesi.
Ed era lì che si rifugiava; ed era lì
su quelle pietre che il suo mare,
ogni sera l'attendeva,
come un amante segreto
attende la sua donna.
E quando il colore della sua schiuma
s'infrangeva
nel biondo dei suoi capelli,
ella cedeva le sue lacrime
al vento del tramonto.
E restava lì, immobile a parlare
col suo mare;
a bisbigliar parole
che nessuno doveva sapere.
La vedo forte dentro di me,
quella donna che amava la rosa bianca;
e sento nelle mie orecchie
il suo richiamo.
Come in una conchiglia
sola sull'arenile,
io tento invano di
impossessarmi delle loro parole:
e ascolto, geloso, il bisbiglìo
del suo mare che l'abbraccia.
La vedo: è lì, sempre lì,
come sempre ogni sera,
quella donna che amava la rosa bianca.
E sarà per sempre la mia visione.
E il mio tormento
che ogni sera chiamerò,
affacciandomi dal precipizio
della mia anima in tempesta.
non potrò mai fare a meno
dei suoi arcobaleni.
La penso. Ti penso.
... E sei dentro di me!

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • fortunato campanile il 19/11/2011 14:39
    molto gentile, ada. meraviglioso è il tuo apprezzamento. grazie!
  • Ada Piras il 18/11/2011 21:33
    Poesia meravigliosa.. tanti complimenti..
  • fortunato campanile il 18/11/2011 15:28
    grazie karen, sei molto gentile. il tuo apprezzamento mi è da sprono. un ottimo benvenuto. lungi dal considerarle poesie, io preferisco chiamarle istantanee, perchè sono una foto di un momento e di una condizione. questa è la storia vera di una donna stupenda che non c'è più e pur violata in vita, era sempre per tutti. donava il suo amore senza chiedere di chè, in attesa del suo grande amore. e la sera s'isolava di fronte al suo mare, da sola. a guardare lontano, in quella eternità che ora è sua.
    grazie ancora, karen.
  • karen tognini il 18/11/2011 12:32
    Splendida... la faccio mia... troppo bella!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0