accedi   |   crea nuovo account

Ombre

È notte buia su chi teme i pensieri,
incompresi figli del tempo
eternamente ombre di un infinito vagare,
descritte ora dalle mani
di chi non sa parlare..
Ergono frammentariamente soavi speranze
inebriate dall'impietosa foschia dei sogni
che bendano gli occhi stanchi..
Ed ora così,
da te parto e m'arrendo,
sogno incastonato
in un silenzio filiforme
che tutto sbiadisce, grava e polverizza..
In questo eterno tempo di sogni
e di tormenti, graffiano ancora
le astiose parole,
custodite nel deserto di quest'animo
che lentamente muore..
E con le mani tremanti
colgo il vuoto oscuro,
perchè non sia silenzio
il mio ultimo muro...

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Gaetano Ippolito il 12/02/2013 20:54
    Semplicemente stupenda. Non complessa la forma, ma il contenuto è di una profondità immane. Stupenda. Brava .
  • Anonimo il 19/11/2011 15:44
    Complimenti Paoline poesia molto ben scritta e che coinvolge! L'amore è già complicato, ma l'amore non corrisposto è puro dolore!
  • roberto caterina il 19/11/2011 13:04
    Al silenzio dobbiamo arrivarci tutti purtroppo, ma la speranza, come dici, è che vi sia ancora qualche sogno prima. Anche se il tema non è nuovissimo mi è piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0