accedi   |   crea nuovo account

Oltre le vetrate

Non lascerò che entri nel cuore
questo nevischio d'ottobre.
Ho sulla pelle le tracce di un sole agostano
che non vorrei sfrattare dalle membra.

Mi adorna ancora di tepore
Mi seduce di frutti mielosi.
Non voglio socchiudere l'uscio
alla nuova stagione
che d'incognite ha piene le giare e i palmenti.

Ella avanza prodiga di mosto novello
di asprigni cotogni
e vellutati melograni.

Esibendo credenziali di precoci brividi s'insedia
a raggelarmi l'anima contadina

Oh mio sole, non lasciarmi, resta.

C'è tempo per cedere lo scettro al generale inverno
che a pugni stretti respingo oltre.

Oltre le vetrate degli occhi!

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • anna marinelli il 22/11/2011 09:00
    Grazie Vito per la tua gradita presenza, per questo segno d'amicizia! TVB!
  • Vito Bologna il 22/11/2011 08:58
    Meravigliosa.
    E` Un piacere leggerti
    sei GRANDE
  • Anonimo il 21/11/2011 09:41
    una meravigliosa metafora... complimenti bella lirica
    Carla
  • Auro Lezzi il 20/11/2011 23:37
    Un bel guardare non c'è dubbio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0