username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il mio paese

Nell'orto della nonna
è scomparso tra i rovi
l'angolo del mio giardino
ove mi divertivo a curare le rose,

è morto il gelso nero dal tronco inclinato
sul quale cinguettavo
con gli uccelli.

È scomparso l'ulivo antico e possente
rifugio dei miei sogni,

nel pollaio più il gallo
non scandisce le ore
con il suo chicchirichì.

Le case son tutte vestite a nuovo,
è le strade lastricate di pietre
venute da lontano
han smarrito i segni della civiltà contadina;

dell'asino non s'ode il raglio
e lo stridore degli zoccoli dei muli.

Non respiro l'odore acre dei camini sempre accesi
il fetore di letame rimosso nelle stalle
e il profumo dell'erba mietuta.

S'è trasfigurato il mio paese!

 

1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Ettore Vita il 22/11/2011 21:31
    Grazie a tutti, e ricambio i saluti.
    Nella poesia volevo esprimere due concetti:
    - il paese è cambiato e cambiando ha perso la sua identità (è stato lastricato con pietre venute da lontano e le case intonacate...;

    - quando ritorno non trovo più il mio mondo, che cerco di fare emergere tramite le cose, mi sento quasi un estraneo. Forse perchè sono cambiato anch'io.
    C'è nostalgia, ma soprattutto delusione, un senso di estraniazione (nella trasfigurazione).
  • - Giama - il 22/11/2011 21:03
    Leggo tanta emozione nel rivedere nella memoria e si rivivono i colori, i suoni, gli odori del tempo passato; ma poi giunge la delusione, la nostalgia, ben descritta dalla negazione di tutto ciò che fu...
    i miei complimenti
    saluti
    Gia
  • erica frau il 22/11/2011 20:21
    bella e molto nostalgica.. complimenti
  • cristiano comelli il 22/11/2011 19:16
    Quelle stesse cose che muoiono, caro Ettore, possono rinascere in noi in ogni momento solo che lo vogliamo. Se l'uomo riprende ad amare l'albero riprende a fiorire e l'asino a ragliare. Cordialità e complimenti per il componimento.
  • Ada Piras il 22/11/2011 18:25
    Sarà più "bello" ma ci mancano i profumi e i sapori, suoni
    naturali di allora. Molto bella.
  • Ettore Vita il 22/11/2011 17:20
    Onorato della vostra lettura e grato del vostro commento.
    Cordialità
  • loretta margherita citarei il 22/11/2011 14:37
    molto bella apprezzatissima
  • anna marinelli il 22/11/2011 13:50
    sia il fetore che il profumo sono bagagli di ricordi indelebili.. piaciuta. ciao a rileggerti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0