username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La notte

La notte ti assale trapassandoti con un freddo odore vellutato
la buia parte dei tuoi pensieri.
Come una donna deflorata dall'istinto animale
gridando tra dolore e piacere ti porge la sua mano.
Un vecchio piegato sull'altare dei suoi pianti
travolto dalle ore cadute pesanti,
posa le mani sulla terra di nessuno
coperta da ombre vaganti.
La notte è universo, l'universo è nero,
che i tuoi occhi non riesconono a vedere,
non sforzarti a capir che dico
la mano che scrive è pronta a sparare.
La luce riflette sul foglio bianco
e i miei occhi diventano stanchi.
La notte è tornata ad essere mia,
la mia puttana ed io il suo sposo.
Il suo velo nero mi trascina via,
lungo la strada un vecchio piegato,
ombre vaganti sull'altare dei pianti.
La notte è universo, l'universo è nero,
è i miei occhi ed io il suo pensiero.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • augusto villa il 15/03/2014 21:45
    Ah... la notte!... Bravo, hai saputo esaltarne il fascino e l-hai fatto bene!
  • Raju Kp il 30/04/2008 07:08
    La notte è i miei occhi... bella
  • Diana Moretti il 29/05/2007 11:50
    bella immagine della notte... versi diretti, istintivi e a volte amari
  • roberto mestrone il 29/05/2007 11:19
    ... scusa..è sfuggita l' ''a'' .
    Bravo!
  • roberto mestrone il 29/05/2007 11:16
    Inno tenebroso, ma appassionato, alla madre del buio che segue la luce... anche del nostro animo...
    Brava!
    Ro

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0