accedi   |   crea nuovo account

Assenza

Sussurrando dolcemente parole al vento
Mi ero perso sotto un cielo vestito a sera
Contando i respiri che non hanno senso
Lasciando i pensieri contorcersi nell'aria.

Così, io celebravo la mia assenza
Pronto a bussare alle porte dell'Averno
Che fa tremare chi ha un domani in sogno
E reca quiete a chi brama sollievo eterno.

Mi si aprì dinanzi un mondo senza tempo
Dove l'uomo è nulla e nullo è il suo tormento
Ne fui sì attratto, credendo d'esservi giunto
Quando un gatto col suo perfido lamento
Mi rispedì in questo mondo tremendo.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0