username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Siviglia

Come un sogno d'altri tempi
Tu, Cattedrale, trafiggi l'animo sensibile
le tue guglie
non possono contenere altro che
solennità, trasporto, senso del divino
E tu, Giralda, ti stagli imponente
e mozzi il fiato a chi si addentra nei tuoi silenzi


Tu, Alcazar, sei uno scrignio
di beltà indefinibile, accecante
un tripudio di simboli
dalle geometrie convoglianti all'estasi divina
a sponde ignote dell'anima


E poi, Tu, Piazza di Spagna,
con i tuoi ponti decorati direttamente nella fantasia
i tuoi azulejos multicolori prestati all'ingegno creativo
sei una perla di commovente fasto e splendore


Ah, Siviglia! Chi si inoltra nelle tue viscere
avrà la propria esistenza indelebilmente segnata dal tuo terreno sfarzo
che sarà magnificato nell'Empireo...

 

2
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 07/01/2014 06:15
    Piaciuta, complimenti.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0