PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Le mie mani infarinate di stelle

Le mie mani infarinate di stelle
affastellano silenzi
tremano alla ricerca del senso delle cose,
del sottile bisbiglio di labbra
che teme di dar voce
a un palpito spezzato.

La mia chitarra accantonata
strimpella il suo lamento
come l'aedo nel vento
dissemina il suo canto.

Il sole che scivola sulla braccia,
rigido, in custodie di delirio,
accorda l'unica corda rimasta,
un si/bemolle,
su cui si arrampica
l'ultimo frammento di speranza.

Mentre viene sera
naufragano sulle darsene
le pazienti sirene,
e la mia stanchezza tradisce
un fremito di pioggia.

La Canon mi rimanda
scatti di fotografie
dalle cromie screziate
d'un crepuscolo precoce.

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Carina Defilipe il 25/11/2011 23:54
    "Mani infarinate di stelle"... meravigliosa metafora che racchiude il passato, le speranze e la nostalgia... Il resto basta leggere... Piaciuta!
  • gina il 25/11/2011 18:46
    Belle immagini sul passo incerto della vita, brava!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0