PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Mo' vene Natale

e Natale che d'è?
è n'albero?
è nu' pasturiello?
'nu carusiello pe' regali...?
'na frittura e' pesce?
'na parola.. auguri,
pure all'anno ca vene..?
'na messa e' mezanotte...
e' lumi appicciate?
'na botta arete o'vico?
'nu criature c'aspetta e dice:
ma, addò sta o' bambiniello?

 

0
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • salvatore maurici il 29/02/2012 18:59
    Con tristezza, debbo dire, tutte le grandi feste religiose si sono trasformate in grandi eventi consumistici, il Natale è tra esse quello che più ha subito questo stravolgimento. Una festa godereccia di dolci, il capitone, le luci, i regali... e così all'infinito. Ma a questo punto bisogna chiedersi con Rosaria Esposito: ' ddò sta il Natale?. Dov'è il Natale della tradizione, il rinnovarsi del tempo e della vita la magia di questa Festa? La magia ce la chiede e la richiama alla nostra mente solleticandoci migliaia di ricordi "'nu criature c'aspetta e dice: ma, addò sta o' bambiniello?". Si! perché la magia del Natale sta nel Bambinello e nella sua capacità di riportarci dentro il sogno.

4 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0