accedi   |   crea nuovo account

Per chi rara viva fatale vita

Per chi rara viva fatale vita
dona amara sorte,
sulla fredda terra fugace e presto
nasce il giorno, e da notte
di dolci sospiri e cari zefiri
e sacri veli stesi
su tutto il pianto resto,
vedi tu come nebuloso è niente
niente di tremulo,
dove verdi getti sereni lumi,
delicate carezze,
su questi brevi flebili mortali,
e naturale incanto
e materno appare il mondo fin
ch'è lei che inebria
di dolce ambrosia
tutta la vita e tutte le cose
di vaga sensibilità maggiore.
Ma gli astri girano
e il mondo non posa,
e resta, poi, triste
vita arida e lacrime subite;
questa natura chiama a gran voce
grida, morte e faticosa terra,
la silente e perpetua notte,
dopo la breve luce.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0