accedi   |   crea nuovo account

Graffi di vita

Flussi
d'incombente stasi
effimere illusioni a scendere sorrisi
in fondo la fibrillante attesa...
muri cementati all'indifferenza
stanno sgretolando nella tracotanza
orrori umani perpetrati d'infinita offesa
lavati in fondo da speranze di ripiego
tese reti per non affondare in questo lago
dell'unto e degli inganni prospera indecenza
di chi sarà la prima pietra?

Cariatidi dell'essere
appesi alle colonne pronte a gremir
Arpie graffianti, balzelli umani
tali zecche a succhiare il sangue
a cristi che nulla hanno da dare
noi esseri indifesi affoghiamo in questo mare.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Pasquale Martino il 27/11/2011 14:08
    Grazie Carla sempre attenta e molto gentile.
  • Anonimo il 27/11/2011 12:18
    molto forte... ma bellissima questa poesia... che rispecchia l'indifferenza umana ormai incancrenita... comlimenti pasquale per la tua bravura nel'esposizione di questa tua lirica molto apprezzata...
    carla