PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Respirando il Louvre

Lo sguardo si muove
come un Arlecchino compiaciuto
tra lo scintillare faraonico
di rovine egizie;
il viaggio delle pupille
prende lentamente consistenza
senza neppure accorgersene
passi, siatemi alleati
in questo mio rivivermi
quando ero uomo in altri uomini
secoli addietro,
ricreo la mia storia
in seducenti e scalpitanti colori
sfilano precisi e orgogliosi
dinanzi alle labbra della mia iride
affamate
di diacroniche estensioni cromatiche
severi effetti prospettici.
Realtà che tende la mano alla fantasia
o fantasia che mette il mantello
a una realtà indifesa
e gravida di infinite forme espressive
per far sì ch'essa non sfugga per sempre
sulla carrozza che il tempo le prepara?
L'uomo si sa avvincere all'eternità
quando la scultura neoclassica del Canova
chiama a raccolta i suoi pensieri;
vibrano le forme
su un uomo che non ammette forme
sono la mano di Dio
che si flette alle incertezze umane
per farle diventare amore
questi intarsi di pale religiose
Madonna che stringe il Bambinello
in mille volti che sempre uno soltanto sono
sorriso ora timido ora più fiero;
il cammino non demorde
più forte di ogni stanchezza
l'arte è la capacità di non sapersi mai fermare
il volto si sa ergere
al di sopra di nipponici obiettivi
che rapiscono la storia
in una ragnatela di scatto
Monna Lisa si rivela
triplice torsione di postura
genialità diluviale leonardesca
che insegna al sorriso
a nascere piano piano.
Il Louvre si appaga
di chi lo ha amato
e si riaddormenta
per ristorarsi compiutamente
per il giorno successivo
quando nuovi sguardi estasiati
impareranno a respirarlo
in dipinti e sculture immortali.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • cristiano comelli il 28/11/2011 15:47
    Grazie don Pompeo, troppo buono. Ho solo espresso le sensazioni rispetto alle meraviglie che ho visto in quel luogo che per visitare compiutamente richiede almeno un mese. A mio modesto avviso. Cordialità.
  • Don Pompeo Mongiello il 28/11/2011 15:25
    Superba è la tua definizione in questa tua bellissima!
  • cristiano comelli il 27/11/2011 14:15
    Sei una risorsa infinita, poetessa e anche pittrice. Complimentoni. Un abbraccio.
  • karen tognini il 27/11/2011 14:06
    Ci sono stata due volte e l'ultima l'anno passato... adoro l'arte e dipingo per hobby quindi ti puoi immaginare le mie emozioni davanti a tanta bellezza...
    grande poesia... grande Cristiano!!!!
    Bravo
  • cristiano comelli il 27/11/2011 13:58
    Grazie a entrambi. Il mio rammarico è di non averlo potuto visitare più approfonditamente. Per questo mi sono dotato di una videocassetta che mi guardo spesso con estasi, non è la stessa cosa della fruizione sul campo ma dà comunque l'idea della ricchezza del mondo racchiusa in quell'ampio e meraviglioso spazio espositivo. Cordialità.
  • Anonimo il 27/11/2011 13:42
    caro cristiano mi hai riportato indietro nel tempo... ho passato due giorni al Louvre beandomi delle opere meravigliosamente citate in questa tua creatura... bellissima complimeti carla
  • Vincenzo Capitanucci il 27/11/2011 13:07
    L'ouvre...è una apertura della mente... dove la Storia dell'Arte... ci aspetta e riposa...

    Bellissima Critiano... nuovi sguardi estasiati... impareranno a respirare.. vibranti forme.. nate dalla mano di Dio...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0