PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vaghezze

Fare come se tu non ci fossi
come se
non t'amassi,
essere il me quotidiano
quando
vicino a te
potevo essere Io originario.
Ti stringerei al seno
per farti addormentare
passando il dito
su quelle labbra
lisce e chiare
e fermarmi sul quel neo
epicentro carnale
di tanta rabbia e disperazione.

 

2
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Giacomo Scimonelli il 20/12/2011 22:24
    ''... Ti stringerei al seno
    per farti addormentare
    passando il dito
    su quelle labbra
    lisce e chiare
    e fermarmi sul quel neo
    epicentro carnale
    di tanta rabbia e disperazione.''
    in tutte le tue opere che ho letto ho trovato molta originalità.. un bel poetare dove la parola banalità non esiste..
  • agave il 28/11/2011 13:25
    ti ringrazio, adesso sono molto meno arrabbiata fortunatamente
  • Orazio Claveri il 28/11/2011 08:47
    Credo che non sia un caso la poesia che già ho commentato, bella anche questa, ma quanta rabbia hai dentro?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0