accedi   |   crea nuovo account

Mille lire

nelle tasche vuote come un pozzo
il rispetto tintinnava d'oro
nel nulla condiviso con l'amico

con le suole bucate di scarpe
e pedalini nel fango di pietralata
non s'aveva pena e si viveva meglio

di quelle mille lire che
la radio cantava in continuazione
non se ne sentiva neanche l'odore

e s'era dieci volte più ricchi
in quella povertà che non è miseria
ma dignità di popolo e cultura

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Antonio Pani il 13/01/2012 08:48
    Un profondo respiro di vita, è questa la prima cosa che mi viene in mente. Parole importanti, che emananano un intenso "profumo" di maturità e saggezza, accompagnati da una vena malinconica che sembra scorrere fra le dita. Io l'ho sentita così. Molto bella, bravo. Grazie per attenzione e commenti, a rileggersi, ciao.
  • senzamaninbicicletta il 28/11/2011 18:51
    dedicata a pasolini
  • Elisabetta Fabrini il 28/11/2011 18:32
    Bella, intensa e profonda, fa riflettere.
    Bravo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0