PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vanità e vendetta

arse troia
e molti perirono troiani
per un solo pomo d'oro
raccolto e posto in premio
in un concorso di beltà

ma nella vana tenzone
tra cotanta bellezza
solo Discordia
si fregiò dell'alloro
lasciando inebetiti
gli uomini e gli dei

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • senzamaninbicicletta il 29/11/2011 12:27
    vanità e vendetta descritte nella mente di un individuo (Eris, Discordia personificata) credo che omero abbia puntato molto su un sottile umorismo misogino in questo episodio.
  • Vincenzo Capitanucci il 29/11/2011 12:15
    Ciò non toglie a Vanità e vendetta... anzi lo conferma..
  • Vincenzo Capitanucci il 29/11/2011 11:28
    Anche a quei tempi sapevano mascherare la Verità... il pomo d'oro era il controllo del Boss sul Bosforo...

    Piaciuta Manì...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0