PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Trastulli

Quannu Natale
era vicinu,
i criaturu,
trastulli 'e terra cotta
mi jevu accattà,
a rieci liru l'unu,
m'accattai
la Maronna,
lu Bambiniellu
e San Giuseppu,
o bue e lu ciucciariellu;
cu nu pocu
'e levena
e nu pocu
'e muschio
facevamo
e muntagne
cu la grotta miezzu
e tuttu o riesto.
Avissa da vedé
che spettaculu,
cu e luci appicciate;
m'infunneva
nu caloru
dintu o core
e na gioia tale
ch'era tutte e juorni Natale.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 01/12/2011 12:19
    Bella rievocazione di un tempo passato, ma ancora vivo negli occhi di un cuore bambino...
  • loretta margherita citarei il 29/11/2011 21:01
    profonda e bella bravo don
  • Anonimo il 29/11/2011 20:20
    UN ricordo del Natale scritto in dialetto, cioè la più bella ed onomatopeica lingua... qualunque dialetto sia... complimenti!
  • Anonimo il 29/11/2011 16:38
    che bei tempi caro don...è vero queste cose infondono pace nei cuori... bravo un abbraccio carla

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0