PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il peso dei millenni

Senza preavviso verrò,
come predatore,
sulla tua isola d'argento, o luna!

Verrò per narrarti di storie di pirati
che sanno far rapine dei tuoi occhi allagati,
verrò ad attingere luce dalle tue vetuste occhiaie
e a raccontarti delle serate di luglio
trascorse al fresco dei poggioli.

Tu, sorpresa da tanta mia audacia,
sarai avida di particolari, e io,
saprò narrati delle attese
del glicine celeste, quando si sporge
dai rugginosi cancelli
ad invaghire pupille di fanciulle.

Mi chiederai curiosa, donna luna,
di cartoline stellate
che si mandano gli amanti all'imbrunire
e del perpetuo gioco
tra le ombre e il sole,
tra il sorriso e il pianto,
tra l'odio e l'amore.

Ti dirò poi degli occhi dei bambini,
del grembo delle madri,
delle piume d'oro dei pulcini,
e di quella storia assurda
di ritrovarmi a scrivere poesie.

Cose che tu non sai, mia dolce luna,
di questo e d'altro ti verrò a narrare,
togliendoti di dosso il peso dei millenni,
e tu avrai nel volto
uno sguardo di stupore.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 30/11/2011 18:33
    Anna, ti dico che è semplicemente bellissima, brava brava!
  • Ada Piras il 30/11/2011 17:06
    Bellissima.. complimenti sinceri.
  • Anonimo il 30/11/2011 16:01
    Versi molto profondi, direi esistenziali... mi é piaciuta moltissimo questa tua poesia!
  • anna marinelli il 30/11/2011 15:37
    Amico mio, Grazie per l'attenzione e per il tuo gran cuore!
  • Vito Bologna il 30/11/2011 15:35
    Stupenda, leggerti e` un gran piacere

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0