PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ho imparato a tenermi tutto dentro

Sono cresciuto con tanto amore, con tanto affetto.
Ma non comprendo perchè quando diventi ragazzo tu debba soffrire così tanto.
Molte cose cambiano...
Inizia la scuola, quella vera.
Nascono le amicizie e le prime infatuazioni...
Quel periodo è stupendo, diciamo così.
Col tempo diventi più grande;
Ti accorgi di tante cose, inizi a pensare con la tua testa...
E cerchi di trovare la verità ed anche se non sei tu a cercarla,
è lei che trova te, te la ritrovi davanti.
Ho imparato a soffrire per le tante illusioni, per le tante delusioni amorose;
Cercavo, ingenuamente, di non piangere, di trattener le lacrime...
Ma non mi è riuscito.
Non mi riesce ancora adesso...
Ed ho capito che non posso aspettare che le cose cambino,
perchè ci vorrebbe troppo tempo,
anche se a volte è relativo.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 30/11/2011 19:35
    Se devo giudicarla tecnicamente, insulsa è il primo aggettivo che mi viene in mente. Il contenuto, in parte condivisibile, è espresso in maniera talmente confusa da fare innervosire. Ne apprezzo la generosità dell'ispirazione.
  • mariateresa morry il 30/11/2011 19:15
    Spada hai ragione, ma è un passaggio obbligato... solo gli sciocchi o i superficiali non avvertono sofferenza nel crescere.. tuttavia il tempo è relativo, puoi avere tutta la fretta che vuoi, ma le cose accadono o non accadono solo se i tempi sono maturi a tal fine e non dipende da noi, se non in piccolissima parte. Comunque sei sempre lucido e capace nel rendere le tue sensazioni
  • cristiano comelli il 30/11/2011 18:34
    Nella vita non vi è davvero mai niente da buttare, la felicità ci fortifica esattamente quanto la tristezza, anche se assolvono due funzioni differenti. Anzi, la tristezza è il righello che ci consente di misurare esattamente la lunghezza dell'amore che abbiamo per l'esistenza. A noi far sì che tale righello sia il più lungo possibile per arrivare a gustare l'infinito. Cordialità.
  • gianny losito il 30/11/2011 17:34
    è un periodo difficile... e so cosa stai passando... meglio di quanto tu non possa immaginare... sono d'accordo...
  • Anonimo il 30/11/2011 16:40
    e un periodo di crescita si scopre sestessi.. e la sensibilita nelle parole che scrivi a farmi dedurre che sei profondo.. ricorda si cresce anche piangendo.. col cuore ed esse son le sue lacrime..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0