PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vecchi

Volti smarriti, dal tempo invecchiati,
occhi stanchi che guardano altrove
molto lontano, al di fuori del mondo,
adesso non ci appartengono più,
abbiamo tradito il loro grande amore,
in quel soffio della vita più amaro e fragile,
come pesanti fardelli ce ne siamo liberati,
affidandoli a quei freddi canili per uomini,
apparentemente belli ma tristemente inanimati,
lasciandosi morire aspettano come cuccioli,
fissano il cancello in fondo a quel lungo viale,
sperando che sia riaperto dal nostro pentimento.

 

3
8 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giacomo Scimonelli il 16/12/2011 16:23
    emozionare scrivendo potrebbe apparire semplice.. ma non è così.. autore in grado di farlo con disarmante abilità poetica.. tra le più belle del sito.. ogni parola con significato ben preciso.. il tutto in versi stilati magnificamente

8 commenti:

  • vania antenucci il 19/12/2011 23:34
    Caro Falco il pentimento c'è dal momento che l'hai scritta! Complimenti
  • Anonimo il 16/12/2011 15:47
    Mio Dio Falco... commovente è dir poco... abbiamo tradito il loro amore... come pacchi li abbiamo depositati... realtà bel scritta molto bravo un abbraccio carla
    ps puoi rimettere il tuo avatar altrimenti per trovarti...
  • denny red. il 06/12/2011 06:05
    Qui c'è poco da dire.. Falco, ci vorrebbe un mare.. Sei bravissimo!!! Un caro saluto Falco, ciaooo..!!
  • karen tognini il 01/12/2011 21:42
    Ciao Stefano... hai raccontato con grande maestria molte situazioni di abbandono...
    eppure si ridiventa bambini...
  • Vincenzo Capitanucci il 01/12/2011 15:59
    Bellissima Falco... tristezze infinite..
  • Anonimo il 01/12/2011 15:50
    Bella. Hai descritto una triste realtà. Questa società dei consumi espelle i vecchi e li relega come mobili fuori moda che prima o poi bisogna rottamare, perchè inutili e ingombranti. Questa è una società che divora tutto e distrugge i valori. ciao
  • Vito Bologna il 01/12/2011 15:03
    piacevole poesia, letta con piacere
  • loretta margherita citarei il 01/12/2011 14:57
    gradevole poesia complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0