PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Non lasciare

Giorni di scacchi
felici e graziosi,
tanti e fin troppi
d'ansie feroci.

Strana è la forza
che infonde il disagio:
son proprio le curve
sul quale m'adagio.

Tante le rabbie
com'anche paure,
o d'altre cose che
son false pianure.

Dipendo, o mi arrendo...
alla forza del cuore?
perdono, condanno,
ma in fondo non duole.

Perché difatti,
mio caro fratello,
l'amor ch'è disastro
è pace e fardello.

Senza la pena, ricorda,
la pace non vène!
Ma tu, servi il cuore;
perch'a tutti fa bene.

Non t'azzardar
di finir un amore
per qualche calunnia
o forti congiure.

L'amor che tu cessi
per solo forzare
(per dirti, le corna),
sarà duro, durissimo...

... da ritrovare.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • EASTON il 29/01/2012 20:02
    Matteo, c'è talmente tanta forza in questa tua, che solo chi puo' affrontate l'amore con tale impeto e fatalismo lo puo' capire. Il testo è bello e scorrevole, a volte reagisce come una fiera, ma a volte le parole solo l'unica gabbia in cui puo' stare il tuo sentimento.
  • matteo picuti il 13/12/2011 15:06
    nessuno commenta? *_*

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0