accedi   |   crea nuovo account

Affido

Affido
al mare dei Tuoi occhi

il rollio
tambureggiante
delle mie parole

quando
il faro delle stelle si spegne
scuotendo il cielo
dal suo stato di quiete
in campane di sole

ci riscopriamo insieme

nell'onda sfuggita alla notte

in un sorridente fracasso di vecchie stoviglie

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • cristiano comelli il 02/12/2011 17:37
    Bella anche l'immagine del fracasso delle vecchie stoviglie che annoda sapientemente l'abitudine di certe operazioni quotidiane al palpitare di sentimenti che trascendono il tempo; in fondo la nostra vita quotidiana è sempre al servizio di un progetto più grande. CHiamiamolo Dio (io mi permetto di chiamarlo così, chiamiamolo sentimento vero, come desideriamo. Ma questo partire dal quotidiano per poi elevarsi da esso è proprio quanto rende più meritevole compiere il viaggio del vivere. Cordialità.
  • Anonimo il 02/12/2011 15:16
    Vincenzo, sei un Maestro di sensazioni... sei un grandissimo!
  • Ada Piras il 02/12/2011 11:47
    Sai sempre sorprendere con la tua bravura.. Bellissima, strappa
    un sorriso.
  • anna rita pincopallo il 02/12/2011 09:34
    condivido quanto già espresso bravissimo Vincenzo
  • angela ambrosini il 02/12/2011 09:21
    sei unico ogni tua poesia è un capolavoro.
  • karen tognini il 02/12/2011 09:19
    In un Fra.. casso... meraviglioso...
    le Tue poesie sono DIVINAMENTE Sublimi...

    Grande Anima la Tua Vince caro...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0