username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Caro vecchio clochard

... testa affondata nel cassonetto dei rifiuti,
mani che rovistano quel che abbiam buttato
per divenire cibo, sopravvivenza... vita
per occhi troppo stanchi per gioire,
mani ormai pesanti per domandare,
abiti logori trascinanti un corpo sempre più scarno,
ma con la consapevolezza di chi
la vita ha ormai vissuto, sofferto...
dato.

Un palpito di cuore
che morir ancor non vuole
vecchio caro clochard d'un tempo andato
che al mondo le illusioni
- con un sorriso -
alle spalle hai ormai lasciato.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 03/08/2013 14:32
    molto apprezzata.. complimenti
  • Raffaele Arena il 20/12/2011 00:49
    In questa poesia dedicata a una persona "ai margini" del vivere borghese, Bruno dimostra gran cuore e compassione. Oltre alla capacità descrittiva non banale nè patetica che purtoppo rappresenta la condizionde di vita di forse milioni di persone nei paesi occidentali definiti, sempre per pochi, "ricchi".
  • Maria Rosa Cugudda il 17/12/2011 17:50
    Lirica di alto valore sociale e umano,
    versi che il lettore sente nel cuore e condivide pienamente,
    un plauso al poeta per la sensibilità che l'avvolge e per il messaggio importante che lancia, spesso però coloro che hanno potere sono assenti. Comunque ogni singola persona può fare qualcosa per aiutare coloro che soffrono.
    Gradevole anche lo stile in cui l'opera viene espressa!
  • Don Pompeo Mongiello il 13/12/2011 17:08
    L'autore con questa sua, mette in evidenza gli estremi di una società, che io non definirei nemmeno più tale. Chi mangia a sazietà, buttando i resti, e chi pur Egli figlio dello stesso Padre, li raccoglie. Un appello dunque di essere migliori e tendere la mano e con rispetto a chi non ha avuto la grazia di essere, ma solo in apparenza, come noi.

49 commenti:

  • Bruno Briasco il 15/05/2012 12:19
    Ringrazio tutti per i commenti sull'opera. Se aprissimo di più gli occhi, io per primo, scopriremmo quanto siamo ricchi pur non possedendo nulla! Un caro saluto a Raffaele, Maria Rosa, Don, e la nuova entrata Igina.
  • Igina il 15/05/2012 11:49
    È bellissima... parole che ci invitano a riflettere ed a guardarci intorno!
  • Igina il 15/05/2012 11:48
    È bellissima, caro Bruno! Quante di queste reltà passano quotidianamente sotto i nostri occhi senza che nessuno di noi lo sappia!!! Quanta tristezza!
  • Bruno Briasco il 26/02/2012 20:15
    Gabriele... siamo chiamati a vivere nella società, ognuno a modo proprio. La scelta del clochard, pur se apparentemente dolorosa per noi, è una scelta ponderata... Preghiamo per quelle persone che di tale vita ne hanno fatto il loro vivere. Un abbraccio
  • Anonimo il 26/02/2012 20:09
    il vivere borghese, inteso in senso lato come vivere cittadino, a me fa proprio schifo. fossi capace di rinunciare a tutto per vivere libero, ma sul serio, senza più legami MATERIALI con la società...
  • Bruno Briasco il 24/02/2012 18:43
    Come hai ragione caro Stefano... noi che abbiamo ANCHE il supefluo siamo capaci di lamentarci per un nonnulla, io per primo beninteso. Grazie della tua testimonianza. Un caro abbraccio
  • Centrone Stefano il 24/02/2012 18:10
    Vorrei dire caro Bruno che questa poesia ci fa pensare a molte vite difficili.
    Noi altri invece, che abbiamo una casa dove dormire, una moglie da amare e figli da educare e amare, ci lamentiamo tutti i giorni per cose piccole e inutili, ignorando quelle vite difficili.
  • Bruno Briasco il 11/01/2012 07:56
    Ciao caro Giuliano e graxzie del passaggio come del gradito commento. Quella del clochard è una realtà, almeno a Genova, in cotinuo aumento. Tra loro, da noi, un professionista che ha deciso da anni di intraprendere quella "discilpina di vita" e nonostante tutto contina imperterrito dopo aver lasciato tutto e tutti. Un caro abbraccio
  • giuliano cimino il 11/01/2012 01:40
    triste e bella.. menomale che ci sono ancora persone con questa poesia dentro.. con la voglia di scrivere poesia parlando di chi vive ai margini. perchè anche questo è Amore.. Grazie Bruno!
  • Bruno Briasco il 21/12/2011 17:12
    Hai ragione cara Silvia... ma a volte il solo guardare il "barbone" che cammina per strada risveglia sensi che è meglio restino assopiti... ignoranza? paura? sensi di colpa? mah! Grazie della tua testimonianza
  • silvia ragazzoni il 21/12/2011 13:21
    Bella Bruno e sensibile.. un tema questo che purtroppo molto spesso viene ignorato
  • Bruno Briasco il 20/12/2011 07:29
    Caro Raffaele. ti ringrazio del prezioso commento e lo voglio ricambiare con i miei più fervidi auguri di buone festività e anno nuovo prospero e foriero di buone cose, quelle che desideri.
  • Bruno Briasco il 19/12/2011 07:29
    Grazie della tua testionianza cara Bianca... è vero, a volte si rimane indifferenti alle sofferenze altrui, come se non ci toccassero e tiri oltre... Brutto, ma vero. Un caro abbraccio e sentiti auguri
  • Bianca Moretti il 18/12/2011 21:43
    Bravo Bruno, un occhio attento alla triste realtà che ci circonda e a cui siamo così assuefatti, da renderci "quasi" immuni, per non dire indifferenti... brutto constatarlo, ma spesso è così, se alle belle parole non facciamo seguire le azioni concrete... Complimenti.
  • Bruno Briasco il 17/12/2011 19:28
    Il mio commento ultimo era una risposta a Maria Rosa... purtroppo il computer da i numeri e impartisce l'ordine come vuole...
  • Bruno Briasco il 17/12/2011 19:27
    Hai espresso un commento prezioso quanto preciso e te ne ringrazio di cuore. Hai ragione: spesso coloro che possono sono assenti... Un caro abbraccio
  • Bruno Briasco il 16/12/2011 13:35
    Un forte abbraccio caro Giacono e grazie del passaggio
  • Giacomo Scimonelli il 16/12/2011 12:43
    condivido ogni commento positivo che hai ricevuto... sei super
  • Bruno Briasco il 15/12/2011 17:07
    Aspetto la tua pubblicazione caro Giacomo, sono curioso di leggerla. Un caro saluto e grazie ancora del passaggio...
  • Bruno Briasco il 15/12/2011 17:06
    Un caro saluto Dolce Sorriso e graze del passaggio così come del commento graditissimo.
  • Anonimo il 15/12/2011 07:22
    Riletta e piaciuta ancor più... apena decido di pubblicare il mio racconto sul clochard ti avviso... ciaociao, Bruno.
  • Dolce Sorriso il 14/12/2011 21:36
    una realtà che toglie il respiro... sono senza parole... bellissima.
  • Bruno Briasco il 13/12/2011 20:08
    Hai ragione caro Vincenzo... una triste realtà a cui non ci si può mai abituare. Un caro abbraccio e grazie del passaggio
  • Vincenzo Capitanucci il 13/12/2011 19:07
    Una vita per occhi troppo stanchi... mani troppo pesanti per chiedere... il peso del mondo lo schiaccia... nei cassonetti trova un ultimo sorriso di sopravvivenza...

    Bellissima Bruno... una terribile realtà...
  • Bruno Briasco il 13/12/2011 17:13
    Un quadro crudele della società di oggi caro Don e tu l'hai espresso molto bene... purtroppo!. Un abbraccio
  • Bruno Briasco il 12/12/2011 07:28
    Un caro saluto ed un abbraccio a che a te cara Vania e grazie del passaggio graditissimo è vero, è e sarà sempre più una realtà esistente... purtroppo!
  • vania antenucci il 11/12/2011 22:40
    Ciao Bruno bella toccante sensibile hai tuoi occhi, realtà di vita che ancora oggi è un vergogna ma esiste. Complimenti come sempre
  • Bruno Briasco il 06/12/2011 13:17
    Caro Ugo sei tu che hai fotografato bene il momento attuale. Purtroppo mi sa che sarà in crescendo visti i venti che spirano ultimamente. Un caro abbraccio di stima.
  • Ugo Mastrogiovanni il 06/12/2011 13:01
    La poesia di Bruno fotografa quello che ormai è divenuto un fatto quotidiano e che penso da oggi aumenterà sempre di più. Alla insensibilità di molti spicca la benevola umanità di scrive, con ancora lo strazio in cuore.
  • Bruno Briasco il 05/12/2011 17:29
    Un bacione a te Carla... se non altro per l'assiduità... E, anche se molto, ma molto in anticipo, Buone Festività a te e famiglia tutta.
  • Anonimo il 05/12/2011 14:16
    che bella bruno... a volte sono scelte di vita... che ci portano a riflettere, persone piene di dignità che tra i rifiuti, rovistano a volte per cercare quello che la società scarta... e che invece per loro è vita... belli anche gli altri commenti ai quali mi unisco un bacione bruno dal cuore d'oro... carla
  • Bruno Briasco il 05/12/2011 12:56
    Grazie caro Pietro del tuo esporre le cose incatenandole con lo Spirito. È davvero buono il Sognore a farci vedere cose che non si vorrebbe ma le coscienze si muovono, come dici tue tutto procede... Speriamo in meglio. Un caro abbraccio
  • Bruno Briasco il 05/12/2011 12:48
    Beh... se i risultati sono quelli che abbiamo appreso in TV ne vedremo più di uno di clochard tuffarsi nei rifiuti. Un caro saluto Fernando e grazie del passaggio
  • Fernando Piazza il 05/12/2011 12:13
    Bella davvero... Resa sapientemente e soprattutto così vera... Una fotografia di ciò che sempre più frequentemente ci capiterà di vedere nel prossimo futuro... purtroppo moooolto prossimo.
  • Pietro Saltarelli il 04/12/2011 22:08
    Caro Bruno, i barboni rappresentano il nostro Dio che rovista nella spazzatura per interrogare il nostro cuore e il nostro amore, che troppo spesso sono latitanti. Quanto volte ho visto in giro per il mondo queste scene e quanto spesso mi sono vergognato. Possa questa tua meravigliosa opera, che nasce dal tuo quotidiano coinvolgimento con gli ultimi, servire a scuotere le coscienze. Ti benedico e ti lodo, amico mio...
  • Bruno Briasco il 03/12/2011 17:31
    Chi cade può risorgere cara Angela... se poi vicino hai un amico - sincero - allora tutto appare meno duro. Per quel che riguarda il cibo buttato... perché non proponi di darlo a qualche mensa della Caritas o a qualche parrocchia che abbisogna di quel materiale per i suoi poveri... che sono sempre più numerosi?

    Provaci. Tentar non nuoce... Il Signore ti sorriderà.
    Un forte abbraccio e grazie del passaggio.
  • angela testa il 03/12/2011 16:08
    una scrittura molto toccante... ti assicuro ci penso spesso... sopratutto per il lavoro che faccio... io lavoro in un ristorante ti lascio immagginare la mia espressione quando vedo tutto quel ben di DIO CHE Và NELLA SPAZZATURA... non credo che bisogna viverle di prima persona per capire... basta avere un cuore sensibile... basta pensare al prossimo come un fratello... bellissima lettura triste realtà... di persone che sono angeli sulla terra... angeli nel paradiso... ti abbraccio bruno.. queste parole mi hanno veramente toccata nel profondo del cuore... sei un uomo da apprezzare... Bruno... come hai scritto tu chi di noi nella vita non ha toccato almeno una volta il fondo... c'è chi si rialza e chi non ci riesce...
  • Bruno Briasco il 03/12/2011 11:34
    Un sentito ringraziamento per il tuo commento gradito e sentito. Un caro abbraccio
  • Dora Forino il 03/12/2011 09:26
    Versi toccanti per questa figura del vecchio clochard, che di chi
    la vita ha ormai vissuto, sofferto...
    dato.
    Intensa.
    Bravo Bruno.

  • Bruno Briasco il 03/12/2011 08:10
    Caro Ignis... chi di noi non ha toccato il fondo almeno una volta nella vita? Un caro abbraccio ringraziandoti del commento e del gradito passaggio
  • Bruno Briasco il 03/12/2011 08:09
    Ciao Loretta... sempre gentile e te ne ringrazio: Un abbraccio
  • Aedo il 02/12/2011 23:37
    Solo chi è affondato nel baratro, sa amare veramente. Bellissima poesia, Bruno!
  • loretta margherita citarei il 02/12/2011 21:28
    bellissimo il tuo grande cuore, toccante poesia, 1 abbraccio
  • Bruno Briasco il 02/12/2011 19:14
    Ciao Cristiano... mi dici di avermi scritto ed io ti dico che ti ho risposto ma evidentemente qualcosa non ha funzionato e me ne dispiace. Il tuo commento sui clochard non fa una piega e condivido il tuo pensiero. Sono loro che hanno da insegnare a noi e non viceversa. La loro scelta (coraggiosa...) lascia senza parole, non so quanti sarebbero disposti a lasciare tutto ed immergersi in quel mondo sconosciuto ai più. Grazie del passaggio e del graditisimo commento. Un caro abbraccio
  • cristiano comelli il 02/12/2011 18:54
    Caro Bruno, ti avevo inviato un messaggio privato sulla tua Genova, non ti ho più sentito e allora rieccomi a te. La figura del clochard da te così ben tratteggiata, in effetti, non è semplice da descrivere. Sfugge a ogni regola codificata ma questo gli consente tante volte di apprezzare l'essenzialità delle cose. Nel leggere illibro della magia di un cielo stellato dovremmo scoprirci tutti un po' più clochard, comprendere che una stella ogni giorno inventa per noi un nome diverso per esserci amica in forma differente. Quanta poesia vi sia nei clochard, quanta umanità, l'ho capito quando andavo a servire ai tavoli della mensa dei Francescani a Milano. Si parlava con loro e nasceva una magia, vedevi il mondo in un determinato modo, con una purezza che il frastuono quotidiano talvolta ti occulta.
    Io tifo sempre per la loro rinascita, questo è chiaro, non so se riuscirò sempre a esserci per loro come persona e come credente. Loro, però, sono riusciti a esserci sempre per me. E a farmi sorridere di certe mie bizzarre e insensate paure. Ciao, un abbraccio.
  • Bruno Briasco il 02/12/2011 17:19
    Grazie... aspetto... ciaociao
  • Anonimo il 02/12/2011 14:46
    Bruno... non l'ho pubblicato. ne ho tanti nel cassetto... il titolo è: Un borghese diventato barbone.
    Il finale è triste... ma reale. Se lo pubblicherò ti manderò un messaggio. ciaociao
  • Bruno Briasco il 02/12/2011 14:16
    Ciao caro Giacomo... qual'è il racconto che lo vado a leggere? Un abbraccio fraterno
  • Anonimo il 02/12/2011 13:54
    Bella, piaciuta. Un tema a me caro... ho scritto anche un racconto... ciaociao