accedi   |   crea nuovo account

D'istante

Le luci del giorno
in fondo alla strada
son echi distanti
di freddi richiami

e tutto si spegne
nell'umana gioia
di un'incapace piacere
chiamato distanza.

Tramonti lontani
cercati da tempo
vissuti su occhi
illuminati di niente

aperti al senso
di pacata obbedienza
che aleggia nei sobborghi
di una realtà svogliata.

La notte accende
stelle vibranti
cadenti, assordanti,

assenzio per chi dimentica
con quel disegno
le opere buie
nella propria stanza.

Km vivi
duri d'asfalto
sprofondano spesso
nei giorni di maggio.

Ma prima di allora
il desiderio si infrange
sul tempo che resta

su alberi in fiore
su alberi nudi
e poi ancora fioriti.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • karen tognini il 02/12/2011 13:57
    Bella Salvatore... c'è sempre tempo per gioiere... il desiderio si infrange
    sul tempo che resta

    su alberi in fiore
    su alberi nudi
    e poi ancora fioriti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0