accedi   |   crea nuovo account

Fingi rigido d'amare

Fingi,
ora che rinnovato trovi il battito
di esser altrove,
dove il sol non piglia le ombre nefaste del passato.

Rigido,
rinchiudi nella gabbia che batte le viscere disciolte nel nuovo sangue,
rigenerato dal continuo ampliarsi degli orizzonti vitali.

D'Amare,
non senti più bisogno
in quanto amasti.
Oh si, infinitamente amasti
senza ricevere null'altro che irrisorio disgusto
legato all'apparir di un sentimento che tacito morì faccia a terra,
spirando in basso,
con fare esausto l'ultimo respiro.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 06/12/2011 14:54
    "Amasti.." Senza ricever nulla.. se tutti si fermassero al primo tentativo non ci sarebbe più vita. Bella^^
  • Vincenzo Mele il 04/12/2011 15:42
    Grazie troppo buono
  • Raffaele Arena il 04/12/2011 01:08
    dranna di una delusione d'amore espresso quasi in giallo stile scandinavoe. Superlativa

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0