accedi   |   crea nuovo account

La mia Venezia

De ricordi na piova
vardo e foto de mia Venesia
xé festa ancuó
el canalasso xé pien de gondole
a sto mondo no gh'è cità più bela,
paron de casa el se in piazza
con i so colombi inamorai
el se specia par na bricola.

Un fià de bavesela e co' un fià de luna
la gondola che fa la nina-nana al gondolièr
no gh'è nesun che resista al to incanto
el mar, le cale sconte, i rii e l'altana
Venezia mia, ti sa sfantar pene dal cuor
in ti una stéla
come el ganser tien in dela riva i so fiol.

------------------------------------------------

Di ricordi una pioggia,
guardo le foto della mia Venezia
è festa oggi
il canal Grande è pieno di gondole
in questo mondo non c'è città più bella
Il campanile di S. Marco è in piazza
con i suoi colombi innamorati
si specchia come un palo nelle acque della laguna.

Un lieve venticello e un filo di luna
la gondola fa la ninna nanna al gondoliere
non c'è nessuno che resiste all'incanto,
Il mare, calli nascoste, i canali e le terrazze,
Venezia mia fai svanire ogni pena dal cuore
in te brilla una stella
da sempre guida da te tutti i tuoi figli.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Alessia Torres il 04/12/2011 15:56
    Abilmente pittoresco questo bel canto d'amore per la tua romnaticissima città dai mille canali...

    ( P. S. Anch'io ho dei versi su Venezia.. )

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0