PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Visioni di supermercato

Tra questi bagliori vuoti
di scaffali natalizi
sale la nausea
che tutti voi mi regalate.
Lasciare marcire
tutte queste derrate
per provare l'ebbrezza dello scarafaggio,
il terrore sacro
di quel piccolo mostro
che unico governerà il mondo.
Ci arrovelleremo
su noi stessi
corpi in cerca d'orgasmi negati,
negati perché solo il dolore si sublima,
mentre il godere
deve contenere lacrime
per poter raggiungere le vette.
Ma questo non c'entra
con tutte queste merci
e io non so cosa regalare
a Natale
mentre una morsa sottile
mi ordina di uscire
e alla fine acchiappo
quelle solite sostanze di sopravvivenza.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Giacomo Scimonelli il 19/12/2011 08:38
    ''... Lasciare marcire
    tutte queste derrate
    per provare l'ebbrezza dello scarafaggio,
    il terrore sacro
    di quel piccolo mostro
    che unico governerà il mondo...''

    condivido la tua profonda riflessione..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0