username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

I poeti

Col tempo che incalza
è nostra tenzone,
d'amare e soffrire
abbiamo missione.

Non cedono ai sensi
l'eterne conquiste,
per questo narriamo
di cose mai viste.

Dal palpito spinti
più forte sogniamo,
scrivendo del mondo
la vita cerchiamo.

E sgorgan su carta
le gocce del nostro
lamento di rime,
dolore d'inchiostro.

 

4
9 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giacomo Scimonelli il 21/12/2011 00:54
    Versi che secondo me spiegano benissimo cosa sia il poeta, versi ottimamente stilati ed apprezzati per forma e chiarezza..

9 commenti:

  • Anonimo il 21/12/2011 22:54
    Bellissimi versi, come poeta (anche se da quattro soldi) mi son ritrovato a casa, la vera casa del poeta
  • Giacomo Scimonelli il 21/12/2011 00:53
    versi che secondo me spiegano benissimo cosa sia il poeta.. versi ottimamente stilati ed apprezzati per forma e chiarezza..
  • pauline buono il 06/12/2011 22:03
    Molto bella. "scrivendo del mondo la vita cerchiamo"... frase molto vera.. Questa fuga dal tempo che è in effetti una vera a propria prigione, perchè il tempo,è vero... ci condiziona la vita...
    Complimenti!
  • Stanislao Mounlisky il 06/12/2011 08:58
    versi musicali, un piccolo ritratto con la considerazione che il dolore è nutrimento e imput per i poeti
  • Alessandro il 05/12/2011 19:19
    Purtroppo sono solo un mestierante, a volte mi capita di "sacrificare" il senso di alcune frasi o di costruire rime atipiche purché ci siano. Di solito è per testardaggine, o perché non trovo soluzioni migliori. Critica molto apprezzata comunque.
  • Anonimo il 05/12/2011 19:11
    Non trovo azzeccata l'ultima rima. un possessivo con un sostantivo... cosa avrai voluto significare? a parte la rima ovviamente... ottimo per contenuti.
  • Ada Piras il 05/12/2011 19:00
    Straordinaria.. Bravo Alessandro.
  • Elisabetta Fabrini il 05/12/2011 18:48
    Ottimi versi, tutti di sei sillabe e in rima.
    Bravo!
  • Daniele Giusto il 05/12/2011 18:40
    Davvero Coinvolgente! Mentre la leggevo, ho immaginato un poeta, seduto su un iceberg dell'Antartide, che canta delle sue emozioni quando scrive. Molto emblematica!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0