accedi   |   crea nuovo account

La nuova Arca

Sul mare come un relitto
flagella un'Arca abbuiata,
largo spinge un desiderio
per miglia e miglia navigante
uno strano silenzio incombe
e il freddo ne coglie il lamento.
Nel fondaco è spento il sorriso
dalla plancia un mormorare
trasmette un fiotto di calore,
l'aria il senso del dolore.
Non una sola lacrima
nel volo della colomba
traspira il viaggio infernale.
Se questo è il pedaggio
che occorre pagare
a riscatto di ogni peccato
a gloria del Tuo divinare
ricorda chi sei il potere che hai
adorna la tua mano d'ulivo
strappa questa gente al martirio.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0