PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Silenzi urlanti

Alzo lo sguardo e una pioggia sottile mi accarezza,
il grigio del cielo si specchia nei miei occhi,
scava, cerca, trova solo infinita tristezza,
in questo mio corpo futile e finito.

Questa nube che mi assale da dentro
mi trasporta oltre la realtà e d'un tratto
mira proprio lì, dritta al centro,
e il mio cuore quasi cede dal dolore.

In questo cupo giorno in cui tutto piange
chissà se la farfalla si è posata sul fiore
o se il cigno ha trovato il suo riflesso.

In questo cupo giorno in cui tutto piange,
pioggia, lavami dai pensieri che mi tormentano,
che nel silenzio continuano a gridare.

 

2
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Verbena il 21/10/2014 07:31
    esprimi grande tristezza in questa poesia che è strutturata in versi belli e molto dolci. Spero che il lamento si trasformi in un reale pianto liberatore. Mi permetto evidenziare che il sonetto deve essere di endecasillabi e con rime per le quartine ABAB oppure ABBA -per le terzine CDE CDE oppure CDC CDC - Se non ti occorre non tenerne conto, però il Sonetto non prescinde dalla regola sopra detta, diversamente non lo è.
  • cristiano comelli il 07/12/2011 18:57
    Bella l'idea della pioggia che deve lavare dai pensieri che tormentano. Recupererei però la valenza della pioggia di cui lei parla anche in un altro senso, quello di far germogliare il buono da pensieri che buoni non sono. I pensieri, a mio modestissimo avviso, non sono mai da buttare via, piuttosto occorre, qualora non ci soddisfino, capire perchè non ci soddisfino e orientarli in modo differente. I pensieri sono un prodotto della nostra anima, il più bello o uno dei più belli; direi perciò che lavarli, e così vorrei leggere questo suo passaggio, non equivalga a liberarci di loro, ma a rendere loro quella purezza che ci consente di farne ricchezza per noi e per chi ci circonda. Complimenti per la poesia che nel complesso è gradevole e cordialità.

3 commenti:

  • sergio il 15/09/2012 15:48
    brava e complimenti Chiara. Apprezzata
  • senzamaninbicicletta il 07/12/2011 18:53
    dolorosa anche da leggere, ma splendida espressione del sentimento. Brava
  • Alessia Torres il 07/12/2011 18:39
    Un dolore che esprimi con grande e struggente espressività...
    in un sonetto ben strutturato!
    Molto Brava, Chiara!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0