PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Le luci della speranza

Gli insuccessi
patiti di frequente,
i disordini precisi
della gente,
l'inadeguata scelta
di voler andare avanti,
il desiderio spesso
di sentirsi assai distanti.

Le crepe fresche inchiodate
su di un muro,
la vita estranea di un uomo
dall'animo puro,
il conflitto che attanaglia
un onesto,
l'amore offerto dalla gente
soprattutto se non richiesto.

Il natale con le luci
ad intermittenza,
un sempre più sbiadito
"auguri" di circostanza,
i volti neri e sorridenti
della povera gente,
le donazioni per sentirsi
un po' più buoni di niente.

La luce di dio
nel grembo di maria,
la dolcezza di un bambino
che recita la sua poesia,
il cammino di tre sovrani
bagnato di umile purezza,
un falegname con le mani ruvide
e un cuore colmo di saggezza.

Il ritratto di un giorno
uguale a tanti
che, si colora di diverso
agli occhi dei passanti,
un tempo preciso dove ogni gesto,
ogni attimo, sembra una chimera
e intanto passa il natale,
ma non per l'incosciente che ancora
spera!

 

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • cristiano comelli il 08/12/2011 00:30
    C'è molta delicatezza in questo comporsi di attimi e frammenti che nell'insieme danno l'atmosfera di un Natale che non va a nascondersi dietro luoghi comuni ma si offre anche nelle sue contraddizioni. Un Natale che ambisce comunque a farsi ricordo e a farsi beffe del trascorrere del tempo. Cordialità.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0