PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La mia città

La mia città mi guidava all'interno del suo nucleo.
Spesso la sera era il momento propizio in cui io approfittavo di guardarla e lei si lasciava timidamente scoprire.
La luce della luna illuminava i suoi anfratti, i tesori d'arte, sui muri, sopra le porte, il lastricato e le strade umide.
Spesso ho visto apparire di colpo il passato e il tempo che immobile mi osservava, un suono lungo m'inebetiva, mi sentivo vibrare di sentimenti altrui;
Il mare rifletteva i tetti delle ville, i campanili delle chiese e le dimore antiche dove sopra la vecchia calce germoglia ancora parassiti verdi

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • cristiano comelli il 08/12/2011 14:25
    Bravo, signor Belcastro, questa poesia si presta a molte suggestioni. Il primo messaggio prezioso che ne trarrei è che non si conosce mai fino in fondo la propria città con tutte le sue sfumature di vera e inconsueta bellezza. La poesia invita quindi, almeno invita me, a impegnarmi di più per conoscere più a fondo la realtà in cui vivo e, quindi, amarla e farla amare meglio.
    Un secondo aspetto che mi permetterei di evidenziare è la sottolineatura da lei implicitamente fatta del fascino dell'oscurità. Il buio che amoreggia con la luce dei lampioni consente infatti di dare a ogni punto della città un aspetto particolare, quasi solenne, un sonno dei rumori che chiede di essere accarezzato, coccolato, amato dai nostri sguardi. Ed è un sentire talmente intenso da regalarci sensazioni non strettamente oculari ma per provare le quali gli occhi sono meravigliosi complici, come le strade umide. Cordialità e complimenti.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0