PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Per Gilles e Ayrton

Si rivela,
consueta, eppur sempre diversa
donna gravida di morbida seduzione
quella pista che ci vide
ansimanti demiurghi
di ricerche di vittorie;
sfilano dinanzi al nostro abitacolo
le luci avide
di riprese televisive
che rapiscono gran premi eccitati
ebbrezze di poleposition
sete implacabile
di sorpassi di altre ombre di vetture
per ritrovare noi stessi
sempre di più
avvinti a inesplorate velocità
da addomesticare a lenti,
inconsumabili piaceri;
è una missione iridescente
questo correre
che alberga nella nostra anima
di ancestrali domatori delle curve
pronti per spezzare
il nitrire insidioso dei pericoli.
Vincere, per vincersi
ma quel giorno
il bolide che scegliemmo
di baciare con il nostro coraggio
scelse di non esserci alleato,
Zolder per me
per Ayrton San Marino
lì scelse
di tenderci l'agguato vigliacco
un frammento impazzito di destino.
Il cielo sa
ora che ci vede in volto
che la nostra corsa non sarà mai finita;
la voce del nostro rombare
ruggisce in altre decine di piloti
pronti a sedurre
il ventoso dimenarsi
di una polverosa ma fiera bandiera a scacchi.
Ayrton e Gilles ci chiamavamo
e corremmo per sentire di vivere
e per percepire
il vostro viverci corridori.
Non ci dimenticate.

 

2
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 10/12/2011 14:32
    Grande omaggio a due grandi Campioni.. Cristiano... che ci hanno dato emozioni e brividi... correndo rischi estremi... non ho mai amato la formula 1 né la boxe... ma i grandi in ogni sport li ho sempre seguiti...(Cassius Clay)
  • cristiano comelli il 09/12/2011 21:02
    Grazie come sempre cara Anna. Di Ayrton è doveroso ricordare che fu grande in pista e nella vita per la molta beneficenza che faceva con quanto guadagnava dalle corse. Rischiava la vita anche per fare diventare vita chi, povero, non la poteva chiamare per nome. Indimenticabile e unico, Ayrton. Come lui, in formula uno, non ne verranno mai più.
    Gilles era un ottimo trombettiere e un grande gentlemen. Di quelli che nobilitano lo sport.
  • Anonimo il 09/12/2011 19:41
    Villeneuve e Senna... e ancora rombono i motori!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0