PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Unghie

come fossero lingue
ch'assaporano la carne
scivolano sulla pelle

- penetrano -

fino a che s'ode
l'attimo in cui
il derma è lacerato

e ti giace sotto le unghie

la schiena tua preme
- inarcata -
il fusto sui ganci

il dolore impazzisce
e aumenta
col tuo piacere

 

3
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 11/12/2011 17:14
    vera cruda e poetica... come la vita del resto!
  • Anonimo il 09/12/2011 18:37
    Devo dire che il tuo nick non mi invogliava molto a leggerti ( senzamani... avrei preferito il tuo nome vero ). Devo dire che sei molto interessante per quanto mi riguarda. Anche se questo è solo il primo testo che leggo. Bravo, un saluto.
  • Anonimo il 09/12/2011 16:51
    Mhh interessante...
  • mirtylla il 09/12/2011 14:14
    Vivere il dolore per raggiungere il piacere...
    Un po' masochistica ma certamente non banale e ben scritta
  • stella luce il 09/12/2011 13:19
    il segno delle sue unghie sulla schiena... un dolce ricordo di passione.. bei versi..
  • Ada Piras il 09/12/2011 08:59
    Molto molto bella.. complimenti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0