PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Maree

Le scale ad ansa per risalir
la foce dei tuoi sciami verbali.
Tenteranno di torcerne i rami
nel loro giorno di conquista.

Di legno fradicio e sprangato il panorama
e al di qua gentile il vetro che riflette
la coagula pensosa rintanatasi tra i denti.
Frapponi le ore alle pieghe della veste,

siedi tranquilla e sorseggia
il blando gorgoglio dell'orologio
che semina i suoi passi
lungo il tempo che esplori.

Saprai ridere quando il caso lo vorrà,
tacere i giorni esplosi di frastuono
che spigoli abnegante per trovar risposte
insite e semplificate nel silenzio.

La tolda cui risali
l'acqua che abbandoni
Gli ultimi rapiti sguardi
semichiusi per un mai sapersi.

Mi dimetto dal mio seggio di profumi,
scendo i pochi abbracci che mi attendono
appostati su l'andito. Può non essere impossibile?
Un rancore d'ora innanzi, dai riflessi a perla.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0