PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lario incantato

Lo specchio sorseggia
baldanzoso e affilato
da onde intimidite e complici
la voce fantasmatica e diacronica
del Dio che accarezza le acque
donando loro
la compiutezza estasiante dello scorrere;
è un puledro che si nutre
di scie ineffabili e argentee di barche
questo Lario acuminato
sul cui dorso danzano indiavolati
gli stilemi un tempo anonimi
e ora fieri e armonici
della prosa manzoniana;
battello
che immortali volti anonimi
a volte impauriti
dall'impenetrabilità dello scorrere,
il lago mi sospinge verso i suoi segreti
ma di raccontarteli mi vieta,
l'inchino di Bellagio e Menaggio
è esile, scalpitante naviglio
che cerca sui pontili del tuo sguardo
fuochi d'artificio di poesia,
villa Olmo e l'isola Comacina
sono due fate di sfuggente smeraldino
che intarsiano nascondigli
in cui giocare a farsi scorgere
dal compiacimento dei turisti.
E compari infine tu.
Como
bacio scolpito
da una Venere di passaggio
funicolare di Brunate
che come filastrocca di zucchero
squarcia il cielo
per scorgere dove abiti il suo vero cuore
Baradello che custodisce
come un vecchio, incantato nonno,
il profumo ardente delle castagne.
Lario che avesti culla nell'Adda
concedi ai miei malfermi, inquieti pensieri
di rivelarsi un giorno a te giardino
perchè i tuoi fiori
più non possano abbandonarmi.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • mariateresa morry il 10/12/2011 16:30
    Conosco il lago e i suoi profumi.. la sua lirica è sempre rotonda ed appagante,,, un po' barocca, ma comunque piacevole.. d'altraparte la bellezza del Lario va descritta con una certa regalità di tono

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0