accedi   |   crea nuovo account

La crisi

c'è la crisi
crollano le borse
occorrono sacrifici...

queste parole
martellano le tempie,
ogni giorno
sulle piaghe aperte
di moltitudini di persone
si getta altro sale...

sul popolo degli onesti
già flagellato
s'abbattono manovre incredibili
per recuperare danaro,
frugando ancora e sempre
dove già è stato frugato,
mentre rimane inalterato
il privilegio per le così
dette "caste".

Il guaio è
che ci sono molti
che non hanno niente
molti che hanno poco
e pochi che molto hanno.

Se questi alcuni
che nulla hanno
avessero qualcosa
del poco che hanno i molti
che hanno poco,

e se i molti che hanno poco
avessero un poco del molto
che hanno i pochi
che hanno molto,
ci sarebbe più equità
e meno pasticci.

Ma purtroppo nessuno
fa molto,
per non dire niente,
per migliorare un poco
una cosa così semplice...

 

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • cristiano comelli il 10/12/2011 21:57
    Come ha ragione, cara Loretta. E come stridono certe diversità di posizione sociale quando si traducono in palesi ingiustizie con persone costrette a rivolgersi alla mensa dei poveri dei frati perchè, pur avendo lavorato una vita, non hanno potuto mettere insieme che una misera pensione. Ho coniato per me stesso un'espressione non molto originale ma che cerco di portarmi dietro ogni giorno: lavorare per la felicità. Se vogliamo maggiore felicità per noi stessi e per gli altri, dobbiamo esserne silenziosi operatori. Personalmente ho disimparato a invocare giustizia sociale da chi mi governa. Cerco io stesso, senza presunzione ma, spero, con impegno e sopratutto con risultati concreti, di assicurare con i miei piccoli comportamenti quotidiani in ambito lavorativo ed extralavorativo questa giustizia sociale. E non mi addormento se prima non mi sono domandato cosa possa fare in più per il giorno dopo. Cordialità e complimenti per una poesia che ci tocca tutti per la sua stringente e lacerante attualità.

1 commenti:

  • Vilma il 10/12/2011 17:26
    Bella e significativa questi versi molto veri, amara realtà purtroppo. Complimenti mi è piaciuta molto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0