PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Non è mai tardi per diventare onesti

Sorpresi a rubare
il sangue del popolo
fan promesse credibili
di ritrovata onesta.
Ma, come volpi più astute
di fanciullesca memoria,
non si mettono fretta
si può fare domani.
Non si può dubitar
che lo sanno davvero
siamo quasi allo sbando
ma lor colpa non hanno;
sono i soliti poveri
che scialacquano sempre
che si ammalano spesso
e lavorano poco
mentre a Loro che sudano
proverbiali camicie
resta soltanto il tempo
di un pisolino sui scranni.
Italiani... anche questa volta ce la faremo
non cadremo nel buio della crisi che c'è
Siamo forti... convinti... se insieme restiamo
nel frattempo voi andate che tra un po arriveremo.

 

3
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Stanislao Mounlisky il 12/12/2011 15:42
    sacrosanta verità... purtroppo mi pare molto difficile disfarsi della casta... che dice "armiamoci e partite... anzi patite... uheee, uheee, come piango"

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0