accedi   |   crea nuovo account

Il rumore dell'Anima

Notte, dove sei straziante notte?
Vivi beata il tuo regno, di luce e di luna.
Ascolto il silenzio
intorno a me, parlare.
Bisbiglia suoni impercettibili
la notte; appena sibilati.
Son passi sempre più vicini.
M'affaccio alla finestra e guardo il cielo
d'un rosa cupo, grasso di neve che cade silenziosa.
È così che mi sento, stasera.
È quel che ora è la mia anima:
neve che cade, lenta
e insistente nel suo incedere.
Eppure non ho freddo, stranamente.
Fuori il silenzio tace!
E penso a quell'orme rimaste là sulla strada.
C'è vento dentro me, stasera. Tempesta!
Ripongo i miei occhi appannati
verso quei passi rimasti là fuori al freddo.
Vorrei scaldarli. Son delicati.
Son di donna innamorata; e penso
lei, che m'ha tradito. Mi sento toccare. Mi volto,
abbandonando il cammino
di quelle luci là fuori. Mi volto ancora.
La vedo, mi vedo. Svanisce di nuovo!
Quell'orme là fuori scomparse,
e sento un sibilo:
la luce fioca si spegne.
Sento all'improvviso un alito.
Un respiro appena sfiorato. È il suo!
Un'ombra si muove: è lei. È tornata.
Svanisce di nuovo.
M'affaccio; dai vetri smerigli
cerco affannato qualcosa. Scruto.
Le orme in quel bianco, sparite.
E cade, silenziosa e grassa, la neve.
Nel silenzio più accecante.
Torno, solo, nel ricordo di lei!

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • andrea piumedoca il 17/09/2014 21:52
    Tu sei così, stupendo poeta, dedichi la tua vita alla poesia e alla tua amata.
  • erica frau il 13/12/2011 17:46
    si bella davvero
  • Ada Piras il 13/12/2011 11:56
    Molto molto bella... tanti complimenti..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0