PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Cantiere insanguinato (a Francesco)

Madre
sempre ti nascosi
rintanandomi nella mia anima
come una marmotta impaurita
che impalcatura
faceva rima soltanto con paura.
Lassù
dove la morte sorride beffarda
e ti minaccia
bendata e bastarda
i ponteggi ballano
come danzatori pronti al tradimento;
sulla banconota del mio coraggio
e del mio lavorare indefesso
non scrissero che la cifra di cinque euro e mezzo;
soffiava aria
di canto e allegria
in quella sbiadita oscurità triestina
Lorenzo era impaziente
di concedersi, luce di voce tra mille luci
agli abbracci estasiati dei fan;
ma quel cantiere
volle per il mio volere
urlante e malfermo
farmi impigliare nella ragnatele
di un volo
che più non sarebbe stato
volo consapevole
ma solo acre morso di una morte
che mai disegna ritardi
quando decide di giungere troppo presto.
Morire per avere lavorato
lasciare quanto si amava
in un frammento di incompiuto fiato
karate, amici, amore per il mare,
e un futuro che si compiaceva
di lasciarsi da me plasmare.
Il sogno è finito
o forse,
ormai debole e offuscato dal destino
non ebbe la forza
per confessarmi di avermi tradito.
Francesco ero
ragazzo semplice e speciale
cui l'impalcatura ha squarciato per sempre
il velo di un sereno Natale.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Massimo Genovese il 31/01/2012 09:32
    cosa dire, ho pianto leggendola toccante
  • cristiano comelli il 14/12/2011 07:13
    Sì, sicuramente condivido, e in effetti l'omaggio a Francesco voleva esserlo anche a tutti coloro che sono tragicamente morti come lui. Una realtà, quella degli incidenti sul lavoro, su cui lo Stato continua a non fare abbastanza, se si è sempre qui purtroppo a parlarne. Cordialità.
  • loretta margherita citarei il 14/12/2011 05:25
    sono disgrazie che lasciano il segno ed è doveroso ricordare, di questo povero ragazzo si parla perchè allestiva il concerto di jovanotti, ma sarebbe giusto ricordare anche tutti gli altri operai, giovani che perdono la vita lavorando, come è successo, pochi giorni fa ad un ragazzo in umbria, ventenne, morto in un cantiere, bisognerebbe adoperarsi perchè non accadono più incidenti mortali sul lavoro, che sono innumerevoli, e non accorgersi di questa realtà drammatica, solo quando coinvolge anche un così detto un vip, il rispetto lo merita sia il compianto ragazzo che gli altri anonimi morti.
    sempre bravo, comunque, mi complimento

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0