PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Er Natale der Barbone

A quell'omo
si ce l'ho co tte
propio co tte che strusci quer cartone
ma lo voi capì che li nun ce poi sta' a fa l'oasi
che quello è 'n posto riservato ar personale
ma nun ce vedi, nun lo vedi che c'è scritto
ma che sei cispadano...
te la devi da smammà da qua' nicchia
nun poi fa er sordo der compare...

a pizzardò nun fa er fetente lasseme sta'
che male te fo co sto cartone
me vedi quanto so' cojone
lasseme fa, che m'organizzo bene
chiede a solita elemosina è na' jattura
ll'amichi de li ricchi so scappati
si nun m'oganizzo so' fenito
pe Natale volevo 'n ber fiasco de Frascati
na pagnotta de Cerreto o de Genzano
e poi se me voi da na' mano
ce metto pure er moccolotto ch'è più fico
e poi vedi in quer buco lì ce metto Lui
er piccoletto
armeno sta ar callo poveretto
e co' qua vaschetta d'alluminio che ce fai?

Ce fo' er laghetto in dove invece de li pesci
a sta a sguazzà, spero me ce metteno un po' de sordi pe campà!

 

4
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 16/12/2011 15:16
    lor ha ragione bella ma tanto amare con un pizzico di tristezza... veramente intensa molto bravo
    auguri buona natale carla
  • loretta margherita citarei il 14/12/2011 16:43
    bella anche se è amara, non c'è da stupirsi, un barbone l'altro giorno mi ha detto che è la vita che lo ha scelto, nel senso che ha perso il lavoro, la compagna l'ha lasciato, non potendo pagare più l'affitto s'è trovato in strada

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0