accedi   |   crea nuovo account

Venezia

è una Dama col mantello
di raso e pizzo di perle
che si specchia nei riflessi
del fruscio dei canali

colpevole nei campi
nasconde i suoi fasti
e carezza l'udito
con mormorii distanti

si veste d'arte ad agosto
con pennellate d'amanti
sognando Parigi
per compagna di giochi

febbraio l'adorna di follia
e scalda l'inverno col carnevale
indossando Rialto
a mo' di giarrettiera

e la notte si spoglia
nella penombra delle calli
e ammicca all'amore
nuda cortigiana

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 15/12/2011 12:49
    Poesia che descrive in modo molto personale e profondo una città fantastica che merita di esistere ancora e quindi da salvare dal suo male centenario.
  • mariateresa morry il 14/12/2011 17:58
    Se parla la veneziana che io sono, direi che la poesia pur di ottima fattura, incede in immagini un poco tradizionali della città, sostenute da una sua icona alquanto diffusa. Tuttavia vi sono degli accenti molto personali dell'Autore che la rendono molto gradevole e curiosa. Ad esempio l'immagine di Rialto come giarrettiera. Molto belli il secondo verso e assai veritiero l'ultimo, essendo stata Venezia la città delle cortigiane per eccellenza, donne colte e raffinate. Direi che nel complesso è il lavoro di un osservatore attento e non banale verso una città che molto difficilmente può essere capita a fondo.

10 commenti:

  • Anonimo il 17/12/2011 15:17
    Conosco Venezia da sempre e questa poesia le fa onore. Ti trasporto su facebo.-
  • Anonimo il 15/12/2011 17:36
    A mio avviso di pregevole fattura. Sembra quasi poterla vivere dal vero, specie quando parli delle cortigiane
  • karen tognini il 15/12/2011 14:35
    Bellissima poesia... Venezia è davvero unica...
    la citta' dove i sogni scorrono lungo i canali...

    bravo...
  • senzamaninbicicletta il 15/12/2011 13:19
    il mio commento precedente è fuori luogo perché ho frainteso il senso di quanto detto da don pompeo, chiedo scusa
  • mariateresa morry il 15/12/2011 13:13
    Magari Don, il male di venezia fosse solo centenario! Essa combatte con le maree da quando è nata, ossia in epoca delle prime invasioni barbariche...
  • senzamaninbicicletta il 15/12/2011 13:00
    don pompeo, le chiedo scusa, ma perché Venezia è da salvare? O forse intendeva preservare? poche città al mondo come Venezia e forse solo Parigi (con enormi diversità le si avvicina per bellezza e interesse.
  • Anonimo il 15/12/2011 07:28
    Molto bella... piaciuta... per quel poco o tanto che conosco Venezia direi che la poesia riesce a fartela vedere con occhi particolari: quelli di un bravo poeta. mariateresa morry mi pare confermi il giudizio... ciaociao
  • Vincenzo Capitanucci il 15/12/2011 06:58
    Una Dama elegante e raffinata... che sa spogliarsi.. in liquidi mormorii... un sogno di bellezza per gli Amanti...

    Bellissima Manì...
  • Anonimo il 14/12/2011 21:47
    mi complimento con te bravo autore per questa tua bellissima lirica...
    nei preferiti
  • Elisabetta Fabrini il 14/12/2011 18:32
    Io semplicemente dico che è molto bella e l'ho apprezzata.
    Ciao!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0