accedi   |   crea nuovo account

Mea culpa

Nun se puote
certo di'
che l'anema mea
niun peccato
ave,
candida dunque
como lo giglio
nun est,
eppure timorosa
essendo
e lo petto
in mea culpa
mea culpa est,
pentitosi battendosi,
un posticino a l'ombra
de li Arcangeli
e lo Simon Pietro,
quanno lo Caronte
a l'antra sponda
lo meo Essere
mena,
attendesi percui,
e sora Morte perciò
paura nun fia.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 18/12/2011 00:33
    Sora ipocrisia è più forte di qualsiasi mea culpa... purtroppo! Bisognerebbe pentirsi ed imparare a non giudicare nessuno, prima di recitare il mea culpa. Bella poesia!
  • roberto caterina il 16/12/2011 11:45
    Mea culpa... e poi una raccomandazione sulla barca di Caronte? Ci ascolterà? Me lo auguro..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0